CANI E UMANI UNA INTESA INDISSOLUBILE

CANI E UMANI.EU
magazine per proprietari di cani

un legame fantastico e indossolubile

logo

Ci sono cani aggressivi, proprio come noi

Intervista alla Presidente dell'Associazione Proprietari Responsabili di Milano, Manuela Ghezzi

Il suo pensiero sul caso di Catania e molto altro....

LEGGI

Bimbo sbranato a Catania: che i cani non siano gli unici ad essere puniti!

Non ci sono cani aggressivi, ma comportamenti errati


 

Come era prevedibile, la disgrazia occorsa al bimbo di Catania sbranato dai suoi due cani molossi, ha scatenato molteplici reazioni, riportiamo quelle di due importanti associazioni del settore che, pur dispiaciute per l'accaduto, prendono le difese dei cani e mettono sotto accusa la madre del piccolo Giorgio.

Davide Montemurro, Presidente dell'Osservatorio cani mordaci,sostiene che cani di questa taglia e di questa razza non devono mai essere lasciati soli con un bimbo così piccolo che non ha ancora gli strumenti per comunicare con loro. I bambini devono apprendere la comunicazione con i cani e i cani quella con i bambini prima di poter restare in contatto tra loro. 

Cani che richiedono grande attenzione

Un cane di 50-60 chili e di questa particolare razza (molto potente e creata per la caccia agli animali feroci) ha la necessità di essere introdotto in famiglia con l'ausilio di un educatore e nel caso specifico, essendo i cani già adulti, si sarebbe dovuta avere la massima attenzione.

Montemurro individua tra le cause possibili dell'aggressione la mancanza di una buona socializzazione tra cani e bimbo, evidentemente non accolto favorevolmente dagli animali, oppure all'istinto predatorio dei Dogo che possono aver visto il bimbo correre velocemente e hanno avvertito l'impulso di prenderlo.

Non criminalizzate i cani

L'Aidaa  (Associazione Italiana difesa animali e ambiente) chiede che i magistrati facciano piena luce sulla morte del piccolo Giorgio, e invita con molta determinazione a non basarsi esclusivamente sull'aggressività dei cani. L'Associazione suggerisce agli inquirenti di predisporre una valutazione della salute degli animali e una verifica sul loro eventuale addestramento alla difesa: i cani non attaccano per uccidere e con ogni probabilità sono stati istigati inconsapevolmente dal piccolo, lasciato incredibilmente solo dalla madre.

L'Associazione pretende indagini trasparenti e complete sul motivo per cui la madre del bimbo abbia lasciato il piccolo in balia dei due Dogo, che sono cani molto reattivi ai movimenti improvvisi. L'Aidaa non vuole incolpare nessuno, ma questo vale anche per i due cani che, probabilmente, hanno agito come erano stati addestrati a fare.

Su questo caso si è pronunciata anche l'Associazione Proprietari Responsabili: la presidente non ha voluto entrare nel merito della disgrazia, ma ha ribadito la necessità di una legge che regoli il possesso di questi cani particolarmente potenti e disponga il rilascio di una patentino dopo un corso abilitante. #cani pericolosi

APPROFONDISCI


 

La nostra pagina FB viene aggiornata quotidianamente, iscrivetevi!

questo sito usa i cookie per un miglior funzionamento, clicca qui

cani amici

©CANI E UMANI

 

 

SOMMARIO

 

 

Editoriali del direttore
Manuela Valletti

 

Attualita'
cio' che accade ai nostri
amici

 

Veterinario naturopata
moltissimi gli argomenti
trattati

 

Pronto Soccorso
veterinario
in ogni regione

 

Fitoterapia
Fiori di Bach

 

Educatore
per educare il tuo cane

 

In vacanza con il cane
le strutture accoglienti
in ogni Regione

 

Libri e racconti
i libri scritti da voi

 

Curiosita'
tutte da scoprire, poesie,
cani celebri, leggende
e molto altro

 

La Leggenda del PONTE
ARCOBALENO

 

Rhoda e Flora
le mie "ragazze"
che vivono al Ponte

La nostra pagina FB

Il nostro Blog

 

TUTTI GLI ANIMALI

questo sito usa i cookie per
un miglior funzionamento,
clicca qui

 

- ILNOSTRO SITO HA I COOKIES - NOTE LEGALI - OFFERTA PUBBLICITARIA - REDAZIONE